ACLI COLF. Contratto per la presenza notturna

ACLI COLF. Contratto per la presenza notturna

699

assistenza-anziani-firenzeSecondo l’art. 12 del Ccnl dei lavoratori esiste una tipica prestazione c.d. “di attesa notturna” che si riferisce al “personale assunto esclusivamente per garantire la del Ccnl presenza notturna”.

In tale tipo di contratto la prestazione della lavoratrice consiste nella “presenza”, infatti, qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla presenza, le stesse dovranno essere retribuite a parte e in aggiunta alla normale retribuzione.

Per poter ricorrere a tale tipo di contratto è necessario che la prestazione “esclusivamente d’attesa” risulti da atto sottoscritto e scambiato tra le parti, che l’orario di lavoro sia ricompreso tra le 21.00 e le 8.00 e la retribuzione dovrà avvenire secondo i minimi previsti per i lavoratori non conviventi.

Il minimo contrattuale stabilito per il 2016 per questo tipo di prestazioni è di € 655,89 e per l’assicurazione presso l’INPS si ritiene congruo assicurare per almeno 25 ore settimanali.

Fonte: ACLI