Acli Terra. Misure più incisive per contrastare il caporalato

Acli Terra. Misure più incisive per contrastare il caporalato

751

ACLI TERRA“Il caporalato – afferma una nota di Acli Terra, l’Associazione nazionale professionale agricola delle Acli – possiede i tratti di un fenomeno criminale le cui proporzioni aumentano drammaticamente nelle forme dello sfruttamento di lavoratori immigrati, ma anche di lavoratori italiani, sottoposti a situazioni molteplici di ricatto e di intimidazione, in un clima di paura e di sottomissioni indotto da bisogni assoluti di lavoro”.

“Oltre l’emergenza – sostiene Michele Zannini, Presidente nazionale di Acli Terra – serve una strategia di medio e lungo periodo che coinvolga, in un unico strumento di governo, un complesso di azioni condivise per dare trasparenza e forza alle responsabilità del Governo, delle Regioni, dei produttori, del Sindacato, delle Associazioni di categoria e, non di meno, dell’industria alimentare e della rete di distribuzione”.

Apprezzabile la creazione della “Rete del lavoro agricolo di qualità” presso l’Inps, che sarà operativa dal 1 Settembre; fondamentale la certificazione etica delle attività d’impresa ed il sostegno al consumo critico e consapevole; importante la legge che già da qualche anno ha reso il caporalato un reato penale.

Tutto ciò può, tuttavia, non bastare, se non si mette in campo un complesso più organico di iniziative che incidano sulla qualità e l’efficacia di controlli, di ispezioni e di sanzioni, fino alla pratica di misure di prevenzione patrimoniale, come accade per la lotta alla mafia.

Servono, inoltre, scelte di natura amministrativa e fiscale che sostengano chiaramente le imprese corrette, rispettose della legalità, e sanzionino duramente quelle complici di reati di sfruttamento e di reati connessi.

Tanto più nel Mezzogiorno, in cui il sistema agroalimentare è profondamente avvelenato dal fenomeno e, non di meno, nel resto d’Italia, dove il caporalato assume forme magari più moderne ed altrettanto diffuse di attacco al valore della filiera agroalimentare e della sua distribuzione.

Fonte: ACLI