martedì 24 ottobre 2017
Tags Posts tagged with "servizio civile"

servizio civile

Le Acli Provinciali di Benevento e il Coordinamento Provinciale di Libera Benevento, in collaborazione con i Giovani delle Acli ed i volontari del Servizio Civile Nazionale, organizzano
“A Raffaele Delcogliano, Aldo Iermano e Alberto Vallefuoco dedichiamo il nostro impegno”.
Vi aspettiamo Mercoledì 25 Ottobre 2017, alle ore 18:30, presso la sede delle Acli Provinciali di Benevento, via F. Flora, 31.

318

headerÈ stato pubblicato il calendario per sostenere i colloqui di Servizio Civile Nazionale 2017.
In riferimento alla regione Campania, i candidati sono invitati a presentarsi muniti di documento di riconoscimento in corso di validità, il giorno 7 settembre 2017, alle ore 09.00, presso le Acli Provinciali di Napoli, in Via del Fiumicello 7.
Le pubblicazioni hanno valore di notifica e si ricorda se il candidato, pur avendo presentato la domanda, non si presenta alla selezione senza giustificato motivo, è escluso dalla selezione per  non aver completato la relativa procedura come indicato all’art. 5 del bando e successive note esplicative.

 

 

 

 

 

 

388

promo servizio civile 2017 - verticale_personalizzabileRestano ancora pochi giorni per partecipare al bando di Servizio Civile Nazionale che scadrà lunedì 26 giugno 2017 alle ore 14:00.

Anche quest’anno le ACLI impegneranno 575 volontari in 25 progetti in tutta Italia, i quali sono volti a promuovere la cultura della legalità, il contrasto della dispersione scolastica e sportiva, il sostegno della famiglia, l’educazione e la promozione culturale, l’assistenza agli anziani, agli immigrati e ai disabili, la promozione del turismo sociale. Saranno 43 i volontari che, invece, svolgeranno attività all’estero in uno dei tanti Paesi scelti, in progetti riguardanti gli ambiti della cooperazione internazionale e del sostegno degli italiani all’estero.

Le Acli Sede Provinciale di Benevento daranno la possibilità a 5 volontari di mettersi alla prova in quattro diversi progetti: Muoviti! Muoviti!, Siamo tutti uguali, Non chiamiamoli anziani, Sì all’invecchiamento attivo.

Visitando il sito www.acliserviziocivile.org è possibile consultare la sezione Bando 2017 SCN, dove si potrà scaricare il bando, scoprire i progetti delle Acli e avere informazioni sulla compilazione e l’invio della domanda.

Per informazioni:

ACLI BENEVENTO

Sede Provinciale Benevento, Via Francesco Flora, 31

TEL./FAX 0824314653

EMAIL: info@aclibenevento.com / ufficiostampa@aclibenevento.com

354

promo servizio civile 2017 - verticale_personalizzabile

Anche quest’anno le ACLI impegneranno 575 volontari in 25 progetti in tutta Italia, i quali sono volti a promuovere la cultura della legalità, il contrasto della dispersione scolastica e sportiva, il sostegno della famiglia, l’educazione e la promozione culturale, l’assistenza agli anziani, agli immigrati e ai disabili, la promozione del turismo sociale. 43 volontari potranno, invece, svolgere attività all’estero in uno dei tanti Paesi scelti, in progetti riguardanti gli ambiti della cooperazione internazionale e del sostegno degli italiani all’estero.
Per partecipare al bando invia la tua candidatura entro il 26 giugno 2017

 

news-img1-83852-servizio-civile

È stato pubblicato il Bando 2017 del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale per la selezione di volontari da impiegare in progetti di Servizi Civile Nazionale in Italia e all’estero.

Le ACLI impegneranno 575 volontari in 25 progetti in tutta Italia, i quali sono volti a promuovere la cultura della legalità, il contrasto della dispersione scolastica e sportiva, il sostegno della famiglia, l’educazione e la promozione culturale, l’assistenza agli anziani, agli immigrati e ai disabili, la promozione del turismo sociale. 43 volontari potranno, invece, svolgere attività all’estero in uno dei tanti Paesi scelti, in progetti riguardanti gli ambiti della cooperazione internazionale e del sostegno degli italiani all’estero.

Anche quest’anno grazie al Servizio Civile Nazionale – dichiara Valeria De Rosa, Vicepresidente Provinciale delle Acli di Benevento, con delega al Servizio Civile – ragazzi e ragazze potranno mettersi in gioco, contribuendo allo sviluppo di una progettazione sociale condivisa. Saranno dodici mesi di impegno e di crescita per far acquisire ai volontari una maggiore consapevolezza del loro ruolo di cittadini attivi.

Visitando il sito www.acliserviziocivile.org è possibile consultare la sezione Bando 2017 SCN, dove sarà possibile scaricare il bando, scoprire i progetti delle Acli e avere informazioni sulla compilazione e l’invio della domanda.

Il bando scade il 26 giugno 2017 alle ore 14:00.

Per informazioni:

ACLI BENEVENTO

Sede Provinciale Benevento, Via Francesco Flora, 31

TEL./FAX 0824314653

EMAIL: info@aclibenevento.com / ufficiostampa@aclibenevento.com

Locandina doposcuolaLe Acli Sede Provinciale di Benevento, in collaborazione con il Patronato Acli, le Acli Colf e i volontari del Servizio Civile Nazionale, hanno avviato un servizio di animazione e sostegno extra-scolastico per bambini e ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 14 anni, figli delle ‘lavoratrici di cura’ italiane e straniere, denominato “Esserci dopo-scuola”.

“Esserci Dopo-scuola” – dichiara Antonella Bibbò, presidente Patronato Acli di Benevento –  è un’iniziativa che nasce con l’intento di rispondere alla difficoltà, sempre più crescente da parte delle lavoratrici domestiche, di conciliare il lavoro con la vita familiare. Gli operatori e i volontari in Servizio Civile presso la nostra associazione si impegneranno a fornire a tutti i bambini e ragazzi che parteciperanno un aiuto concreto volto a migliorare le capacità espressive e le competenze didattiche di ognuno.

L’attività è volta a stimolare la creatività e l’autonomia cognitiva dei bambini/ragazzi, attraverso un servizio di sostegno ai compiti, ponendo l’accento sull’acquisizione delle competenze della lingua italiana, dal momento che spesso si trovano in Italia da poco tempo. Nel corso delle lezioni non si punterà solo a rafforzare le capacità di apprendimento dei partecipanti, ma anche a offrire percorsi di orientamento in entrata nelle scuole di secondo grado.

Al fine di favorire le competenze linguistiche e cognitive, saranno inoltre organizzati dei laboratori ludico-ricreativi (capacità artistiche e/o espressive) tarati sulle attitudini di ogni ragazzo.

Il doposcuola e i relativi laboratori si terranno tutti i lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 15.00 alle ore 18.00, presso le Acli Sede Provinciale di Benevento, in via Francesco Flora n. 31.

Per informazioni:

Acli Sede Provinciale di Benevento
Via Francesco Flora, 31
TEL./FAX: 0824314653
EMAIL: info@aclibenevento.com
SITO INTERNET: www.aclibenevento.com

Referenti Volontari Servizio Civile Acli di Benevento:
Fadoua Bamansour
Ylenia Giorgione

Copia di ACLI - Nella Madre di Dio... la vera Pace logoLe ACLI, Sede Provinciale di Benevento, il Comune di Benevento, il Comune di Pietrelcina e l’Arcidiocesi di Benevento, con il patrocinio della Regione Campania e della Provincia di Benevento, cogliendo i segni dei tempi, l’esigenza di gesti simbolici di alto significato e la necessità di testimoniare una scelta di riconciliazione sociale ispirata all’insegnamento di vita di San Pio, organizzano per il 20 Maggio c.a. il “Cammino di Riconciliazione e Pace – Accoglienza, dialogo e solidarietà”, con partenza da Piazza Santa Sofia a Benevento ed arrivo a Piazza Santissima Annunziata a Pietrelcina.
La manifestazione, giunta alla nona edizione, affrontando ogni volta un argomento differente, rappresenta un progetto educativo alla pace e alla civile convivenza sociale. Il tema del Cammino di quest’anno, come si evince dal titolo, mira a contribuire alla creazione di una società che sia sempre più inclusiva e solidale,
capace di rispondere alle tante esigenze che si levano da un territorio chiamato a risolvere numerose e talvolta inedite questioni sociali. Camminare insieme significa condividere idealmente un percorso comune per affrontare le sfide che riguardano la nostra terra, partendo dal lavoro, passando per il disagio giovanile e le varie forme di emarginazione e povertà, fino ad arrivare alla necessaria affermazione di una nuova inclusione sociale, anche alla luce dell’importante fenomeno migratorio degli ultimi tempi.
Nel corso della settimana, dal 15 al 20 maggio c.a., saranno organizzate tavole rotonde, convegni, dibattiti ed incontri con relatori e presenze del mondo dell’associazionismo, di quello politico ed istituzionale.
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare per vivere insieme un momento di “Accoglienza, dialogo e solidarietà”.

Le ACLI Sede Provinciale di Benevento e l’Associazione Simposio Immigrati, hanno svolto due laboratori presso l’Istituto di Istruzione Superiore “G.Alberti” all’interno del “Programma Scuola Viva” (Delibera di Giunta Regionale n: 204 del 10/05/2016 – B.U.R.C. n. 31 del 16 maggio del 2016) e sviluppati nell’arco di tre mesi, da gennaio a marzo 2017.
Durante il modulo “Educazione alla cittadinanza attiva”, tenuto dalle ACLI Sede Provinciale di Benevento, è stato proposto un percorso formativo e informativo per  indurre le nuove generazioni a riflettere sui valori della giustizia, della cura del bene comune e del rispetto per le persone. Si è trattato di uno strumento volto a far crescere nei giovani la consapevolezza dei diritti e dei doveri verso la comunità di appartenenza.
Mentre il modulo “A Scuola di Multiculturalità”, sviluppato dall’Associazione Simposio Immigrati, ha avuto come obiettivo principale quello di valorizzare l’incontro tra diversi stili di vita, pratiche religiose, modi di pensare e di interpretare il mondo, proponendosi di stimolare il dialogo e il confronto costruttivo tra soggetti appartenenti a etnie diverse.
I laboratori hanno avuto un ottimo esito in termini di partecipazione attiva e acquisizione di nuove conoscenze/competenze da parte degli studenti.

Per tutte le violenze consumate su di Lei,

per tutte le umiliazioni che ha subito,

per il suo corpo che avete sfruttato,festa-della-donna-2015

per la sua intelligenza che avete calpestato,

per l’ignoranza in cui l’avete lasciata,

per la libertà che le avete negato,

per la bocca che le avete tappato,

per le ali che le avete tagliato,
per tutto questo:
in piedi, Signori, davanti ad una Donna
”.

William Shakespeare

 

L’8 marzo si celebra la Giornata Internazionale della Donna, una ricorrenza che permette di ricordare come dall’inizio dei tempi il ruolo della donna sia sempre stato discriminato rispetto a quello dell’uomo.

Ancora oggi, in una società che si fa portavoce ed aperta sostenitrice dei diritti di uguaglianza e libertà, ritroviamo nel binomio uomo-donna una serie di stereotipie e luoghi comuni che vedono, in talune realtà, la figura maschile dominante, nei contesti domestici, lavorativi e familiari e la figura femminile sottomessa al volere della società che la riconosce nei ruoli di “figlia”, “moglie”, “madre”, e non le riconosce la sua primaria natura di Donna.

Oltre alla violenza fisica, la donna ha dovuto, e continua a subire e a dover resistere ad altre forme di soprusi e ingiustizie, svolte ai suoi danni all’interno del focolare domestico e della comunità: l’umiliazione di essere sempre considerata “meno” rispetto all’altro sesso, con minori opportunità di carriera, minor salario, minor possibilità di crescita professionale; lo sfruttamento del suo corpo, spesso esposto alla mercé di uomini senza valore; la violenza psicologica che subisce ogni qualvolta è costretta a dover scegliere tra famiglia e lavoro.

La donna ha sempre dovuto lottare per far sentire la propria voce, per far sì che quelli che dovrebbero essere diritti garantiti all’essere in quanto umano, venissero a lei riconosciuti allo stesso modo degli uomini.

Nel 1907 Ernestina Prola fu la prima donna italiana ad ottenere la patente, nel 1908 Emma Strada si laureò in Ingegneria, nel 1912 Teresa Labriola si iscrisse all’Albo degli Avvocati e Argentina Altobelli e Carlotta Chierici vennero elette al Consiglio Superiore del lavoro. Queste donne hanno raggiunto conquiste fondamentali, permettendo di lì in poi a tutte le altre di poter considerare le stesse come diritti indiscutibili.

Le donne sono entrate nella storia, rivoluzionandola, facendo valere il loro diritto primario di essere libere, dove la principale forma di libertà resta sempre quella della scelta.